Chi siamo

Podere Spedalone…

il tuo agriturismo

la tua casa

i tuoi amici!

Agriturismo Podere Spedalone

Podere Spedalone non è un semplice agriturismo, è il TUO agriturismo, è un luogo dove ti sentirai come a casa, circondato da splendidi paesaggi, coccolato da una cucina sana e caratteristica ma soprattutto pieno di amici e fantastiche persone come te.

Da sempre abbiamo cercato di coniugare insieme la privacy che tutte le persone cercano con la convivialità che ci contraddistingue.

Podere Spedalone è circondato da ampi spazi verdi dove trascorrere giornate riposanti e rilassanti, la piscina è libera per tutto i nostri ospiti e il nostro ristorante ti sorprenderà ogni giorno con nuovi piatti rigorosamente cucinati con ingredienti locali e selezionati.

Ma quello che viene apprezzato di più dai nostri ospiti è la convivialità lo stare insieme in tavoli comuni conoscendo sempre persone e amici nuovi.

La Storia del Podere Spedalone

Nel 1381 gli Olivetani dell’Abbazia di Monte Oliveto iniziarono la ricostruzione del Monastero di Sant’Anna in Caprena, sul vecchio eremo, e incominciarono a comprare terreni attorno al monastero (v. Libro delle Stime).

Nel 1457 il Monastero di Sant’Anna in Caprena eredita da Frate Tommaso Ragnoni di Ragnuzzo, assieme al Podere Poggio Ragnuzzi, anche Podere Spedalone. In questo periodo ricostruirono i due poderi Salvadominici e Spedalone ricostruendo, oltre alla struttura a torre in parte ancora oggi esistente, l’oliera e il frantoio nel lato nord, denominato “di sopra”.

Nello stesso tempo furono eretti i muri a secco che caratterizzano i gradoni dell’oliveta e furono piantati gli olivi. Da notare che nella parte di oliveta sotto la strada ci sono dei muri a lunetta forse tra i pochi ancora esistenti in Toscana.

Podere Spedalone fu ristrutturato ancora una volta nel 1859 con l’aggiunta della Loggia e del grande forno a legna “di sotto”.

Fino al 1960 a Spedalone vivevano due famiglie di circa 40 persone, una “di sotto” e una “di sopra” che lavoravano la terra del podere di circa 160 ettari, in gran parte bosco. In tutto il piano terra erano ricoverati gli animali, sia buoi da lavoro che pecore.

Torna su